NOTIZIE

ADERIRSCI ALLA

FONDAZIONE JB

SPONSORED BY

PARTNER

Juventus vs. Lazio – Le Pagelle di Meghè

[fusion_builder_container type=”flex” hundred_percent=”no” hundred_percent_height=”no” min_height_medium=”” min_height_small=”” min_height=”” hundred_percent_height_scroll=”no” align_content=”stretch” flex_align_items=”flex-start” flex_justify_content=”flex-start” flex_wrap_medium=”” flex_wrap_small=”” flex_wrap=”wrap” flex_column_spacing=”” hundred_percent_height_center_content=”yes” equal_height_columns=”no” container_tag=”div” menu_anchor=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” status=”published” publish_date=”” class=”” id=”” margin_top_medium=”” margin_bottom_medium=”” margin_top_small=”” margin_bottom_small=”” margin_top=”” margin_bottom=”” padding_top_medium=”” padding_right_medium=”” padding_bottom_medium=”” padding_left_medium=”” padding_top_small=”” padding_right_small=”” padding_bottom_small=”” padding_left_small=”” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” link_hover_color=”” hue=”” saturation=”” lightness=”” alpha=”” link_color=”” border_sizes_top=”” border_sizes_right=”” border_sizes_bottom=”” border_sizes_left=”” border_color=”” border_style=”solid” border_radius_top_left=”” border_radius_top_right=”” border_radius_bottom_right=”” border_radius_bottom_left=”” box_shadow=”no” box_shadow_vertical=”” box_shadow_horizontal=”” box_shadow_blur=”0″ box_shadow_spread=”0″ box_shadow_color=”” box_shadow_style=”” z_index=”” overflow=”” gradient_start_color=”” gradient_end_color=”” gradient_start_position=”0″ gradient_end_position=”100″ gradient_type=”linear” radial_direction=”center center” linear_angle=”180″ background_color_medium=”” background_color_small=”” background_color=”” background_image_medium=”” background_image_small=”” background_image=”” skip_lazy_load=”” background_position_medium=”” background_position_small=”” background_position=”center center” background_repeat_medium=”” background_repeat_small=”” background_repeat=”no-repeat” background_size_medium=”” background_size_small=”” background_size=”” background_custom_size=”” background_custom_size_medium=”” background_custom_size_small=”” fade=”no” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_blend_mode_medium=”” background_blend_mode_small=”” background_blend_mode=”none” video_mp4=”” video_webm=”” video_ogv=”” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_loop=”yes” video_mute=”yes” video_preview_image=”” pattern_bg=”none” pattern_custom_bg=”” pattern_bg_color=”” pattern_bg_style=”default” pattern_bg_opacity=”100″ pattern_bg_size=”” pattern_bg_blend_mode=”normal” mask_bg=”none” mask_custom_bg=”” mask_bg_color=”” mask_bg_accent_color=”” mask_bg_style=”default” mask_bg_opacity=”100″ mask_bg_transform=”left” mask_bg_blend_mode=”normal” render_logics=”” logics=”” absolute=”off” absolute_devices=”small,medium,large” sticky=”off” sticky_devices=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” sticky_background_color=”” sticky_height=”” sticky_offset=”” sticky_transition_offset=”0″ scroll_offset=”0″ animation_type=”” animation_direction=”left” animation_color=”” animation_speed=”0.3″ animation_delay=”0″ animation_offset=”” filter_hue=”0″ filter_saturation=”100″ filter_brightness=”100″ filter_contrast=”100″ filter_invert=”0″ filter_sepia=”0″ filter_opacity=”100″ filter_blur=”0″ filter_hue_hover=”0″ filter_saturation_hover=”100″ filter_brightness_hover=”100″ filter_contrast_hover=”100″ filter_invert_hover=”0″ filter_sepia_hover=”0″ filter_opacity_hover=”100″ filter_blur_hover=”0″][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ layout=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_color=”” border_style=”solid” border_position=”all” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding_top=”” padding_right=”” padding_bottom=”” padding_left=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” center_content=”no” last=”true” min_height=”” hover_type=”none” link=”” border_sizes_top=”” border_sizes_bottom=”” border_sizes_left=”” border_sizes_right=”” first=”true”][fusion_text columns=”” column_min_width=”” column_spacing=”” rule_style=”” rule_size=”” rule_color=”” hue=”” saturation=”” lightness=”” alpha=”” content_alignment_medium=”” content_alignment_small=”” content_alignment=”” hide_on_mobile=”small-visibility,medium-visibility,large-visibility” sticky_display=”normal,sticky” class=”” id=”” margin_top=”” margin_right=”” margin_bottom=”” margin_left=”” fusion_font_family_text_font=”” fusion_font_variant_text_font=”” font_size=”” line_height=”” letter_spacing=”” text_transform=”” text_color=”” animation_type=”” animation_direction=”left” animation_color=”” animation_speed=”0.3″ animation_delay=”0″ animation_offset=”” logics=””]

I giudizi SemiSeri di Meghè, perchè il calcio non deve smettere mai di farci sorridere.
Contiene ironia, leggere responsabilmente.



SZCZESNY 6.5
: il nostro portiere di padre polacco passa una tranquilla giornata in ufficio: lo sveglia solo Luis Alberto costringendolo a raccogliere la palla nel sacco dopo un tentativo da incubo di giocare la palla dal basso da parte della coppia Bremer Cambiaso. A quel punto sobbalza come Francesco Nuti quando si chiudeva in bagno per pasticciarsi e il padre bussava alla porta con l’immancabile “si diventa ciechi!”. Caruso

DANILO 7: il nostro MacGyver aggiusta tutto come al solito.. e quando non c’è da andar di fino usa la clava: non passa nessuno dalla sua parte, neanche i piccoletti biancazzurri.. veloce preciso e puntuale. Immobile ogni tanto lo cerca per scappare dalle grinfie di Bremer, ma ne esce con i cerotti e la punturina fatta. Pic indolor

GATTI 7: ha il 4 sulla schiena, ma non lo merita: quando parte sembra avere il 44 come nella canzoncina che tutti cantavamo da piccoli.. finalmente capiamo il significato del “resto di due”: sono le sberle che da a chiunque gli si avvicini. Maresca non ci capisce niente, come al solito e lo ammonisce inspiegabilmente. Tarzan

BREMER 6: Si dimentica di giocare per Acciughina e pressa altissimo come ai tempi della Cairese, facendo partire l’azione del primo gol. Bud Spencer, come al solito è insuperabile quando si tratta di menare le mani con il centravanti avversario, che infatti, per non prenderle, rimane Immobile tutta la partita. Meno quando si tratta di impostare l’azione, ma non è colpa sua, non possiamo pretendere che Bud Spencer ricami centro tavola con l’uncinetto. Scambia Cambiaso per Cabrini e gli da una palletta moscia dal mancato controllo della quale parte il gol dei biancocelesti. Distratto

MCKENNIE 7,5: il maghetto oggi ci fa vedere perché esulta alla Harry Potter dopo ogni gol: prima fa sparire la palla facendo credere ai poveri laziali che sia uscita lateralmente, lanciando Locatelli verso l’assist del primo gol, poi effettua un lancio alla Pirlo mandando in gol Vlahovic, mettendogli la palla sui piedi da 40 metri. Nel mezzo offre una prova da terzino d’altri tempi annullando Zaccagni e dando sicurezza alla difesa. David Copperfield scansati. 71’ WEAH 5,5: che il ragazzo abbia fame si vede. Gioca gli scampoli finali con la bava alla bocca, ma l’unica cosa che riesce a mangiarsi è il gol. In questo non ha preso dal padre. Illegittimo

MIRETTI 6.5: Acchiughina gli chiede di inserirsi palla al piede e non. Lui esegue con la solita abnegazione: alle prese con i due centrali laziali, sembra un minorenne che cerca di entrare in discoteca con la carta d’identità dal cugino.. dai e dai ci riesce e sfiora anche il gol: non è ancora al livello tecnico del Mago laziale ed il tiro a giro gli esce di poco. Si farà. Piccolo Merlino 58’ FAGIOLI 6: lo sostengo da sempre: deve giocare regista. Da mezz’ala gli manca la brillantezza di Miretti. Speriamo che Acciughina se ne accorga.. Diciamoglielo piano però, che se capisce che deve cambiargli ruolo è capace di metterlo terzino. All’uccelletto.

LOCATELLI 7.5: migliore partita dall’inizio dell’anno: assist, cambi gioco millimetrici, interdizione ed occupazione degli spazi giusti. Che abbia ragione Acciughina a preferirlo a Fagiolino nel ruolo di regista? Io lo preferisco mezz’ala come ai tempi del Sassuolo: ma se Acciughina ha vinto 5 scudetti ed io, al massimo, un tris di Fantacalci, un motivo ci sarà. Questa volta fa proprio quello che si declamava nella pubblicità degli anni 80: fa le cose per bene. Chirurgico.

RABIOT 6.5: Il Duca Conte d’Orleans gioca con la tipica indolenza dei suoi connazionali alle prese con la trentacinquesima ostrica da succhiare sugli Champs Elisèe: buona è buona, ma l’appetito è un’altra cosa. Sul gol di Chiesa non si capisce se vuole fare un assist o non tira perché non ne ha più voglia. Nel secondo tempo si divora un’altra palla gol, ma si sa, la nobiltà è così: mangia per gusto, non per fame. Noblesse oblige.

KOSTIC 6.5: Filippo, una volta tolto dalla vetrina del mercato, sta tentando di riguadagnarsi il posto da titolare. Cambiaso gli da una mano nel secondo tempo addormentandosi sul gol laziale. Si segnala per essere uno dei più precisi nei tiri da fuori: nel riscaldamento prepartita. In rampa di lancio. 58’ CAMBIASO 5,5: dalla Curva Sud, per fortuna tornata alla grande ad incitare i ragazzi, parte il coro “Salta con noi, Maurizio Sarri”: lui da bravo balilla si mette sull’attenti ed inizia a saltare a ritmo.. peccato che Bud Spencer gli molli quella loffia che lui non si aspetta: il Mago lo beffa e si invola in gol. Quest’incomprensione gli fa giocare la sufficienza. Pierino

CHIESA 7.5: la Chiesa è sempre più al centro del villaggio: l’anno scorso se avesse provato a segnare di esterno sinistro il gol del 2 a 0 avrebbe preso o il piede del Duca o direttamente la bandierina. Un po’ di fortuna non guasta e la palla si infila sul palo alla destra dell’incolpevole portiere biancazzurro. Redivivo 83′ MILIK SV. Pochi minuti per gestire il palleggio in un finale che non aveva più molto da raccontare. Riesce a sbagliare due facili gol di testa per prendere s.v. al Fantacalcio e far cristonare chi, come il sottoscritto, aveva avuto l’ardire di farlo partire titolare. Indolente

VLAHOVIC 8: Fa più fatica a liberarsi dall’abbraccio della Curva Sud dopo il maestoso gol di destro del 3 a 1 che a seminare i poveri Casale e Romagnoli; d’altronde il piano partita dei due centrali biancazzurri era chiaro: mandarlo a destra! E lui, come gli italiani alle ultime elezioni ci è andato eccome! Facendo pure l’en plein: camera e senato.. due pappine e Lazio a casa. Per lunghi tratti della partita ci ha ricordato il Bobo Vieri juventino: potenza irrefrenabile e classe da vendere. Conan il Barbaro 83’ KEAN SV. L’Astigiano al Rhum fa il suo dovere quando permette la standing ovation al Serbo. Meno quando spreca un paio di contropiedi incaponendosi con la soluzione personale. Come il famoso cioccolatino ripieno della città che gli ha dato i natali. Lascia l’amaro in bocca.

ALLEGRI 7. Di fronte all’ultimo allenatore scudettato non ha nulla da invidiare: lascia alla Lazio un possesso palla sterile, ma la punisce con le stesse armi che l’ex benzinaio aveva usato a Napoli per punire la truppa di Garcia. Gli manca solo la proverbiale abilità del toscanaccio a scaccolarsi durante le interviste post gara: ma lì vince facile, visto l’incomprensibile silenzio stampa proclamato da Fabiani, per evitare che qualcuno si becchi qualche squalifica. La Curva lo acclama come proprio condottiero e lui smette di urlare “calma” per ricambiare il saluto. Che sia tornato l’amore con i tifosi? Luna di miele.

[/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]

CONDIVIDI SU

ULTIMI ARTICOLI

ADERIRSCI ORA ALLA

FONDAZIONE JB