NOTIZIE

ADERIRSCI ALLA

FONDAZIONE JB

SPONSORED BY

PARTNER

Guardie e ladri? Intanto la Juve vince!

“È un po’ come giocare a guardie e ladri, con i ladri che scappano e le guardie che rincorrono”
(Massimiliano Allegri)

Nella freddissima Torino di ieri sera, abbiamo assistito ad una bella partita tra la Juventus e il Sassuolo.  I bianconeri hanno dimostrato la propria superiorità con una vittoria schiacciante di 3-0, contro l’unica squadra in grado di batterla in tutto il girone di andata. Una splendida doppietta di Vlahovic e un goal di Chiesa hanno consentito ai bianconeri (grazie anche ad una bella fase difensiva e un Tek autore di almeno due belle parate), di riportarsi a due punti dall’Inter e di proseguire in questo appassionante duello che sta caratterizzando la nostra Serie A. Vittoria mai in discussione e post partita che sembra potersi svolgere in grande serenità.

Al termine della partita, incalzato dalle domande della giornalista che citava la frase di Marotta, AD dell’Inter “noi siamo la lepre e dietro abbiamo i cacciatori che cercano di prenderci”, l’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha risposto con una battuta dicendo “ a me la caccia non piace, diciamo che è come quando qualcuno scappa e gli altri lo inseguono, come quando si gioca a guardie e ladri: i ladri scappano e le guardie li inseguono”. Una battuta, anche se probabilmente con una punta di malizia: d’altra parte sappiamo che in questo momento della stagione è di enorme importanza anche la tensione psicologica.

Ci duole sottolineare che, come spesso abbiamo registrato in passato, la stampa agisce con moralismo selettivo e manifesta ipocrisia, stigmatizzando questa battuta come si trattasse di chissà quale violenta invettiva. E ancora di più ci sorprende come questa falsa ondata di sdegno si sollevi proprio da parte di quella tifoseria che ha idolatrato per anni Mourinho, celebre per aver platealmente mimato il gesto delle manette e aver basato grossa parte della sua carriera sulla forza comunicativa delle sue provocazioni.

La Fondazione Jdentità Bianconera denuncia questo atteggiamento imparziale che, ancora una volta, mette in luce il doppio standard presente nel mondo dell’informazione sportiva.

Questo non è appunto un caso isolato. Troppo spesso abbiamo assistito a situazioni in cui la stampa ha applicato regole diverse a seconda della squadra o dell’allenatore coinvolti. L’ipocrisia diluita nei titoli e nelle analisi sminuisce il dibattito sportivo, alimentando tensioni ingiustificate tra le tifoserie.

La Fondazione si dissocia chiaramente da questa atteggiamento, invitando tutti gli iscritti all’Albo a ripassare il codice etico e deontologico, che indica chiaramente come la stampa sportiva debba essere un arbitro imparziale, non un attore che alimenta polemiche ingiustificate. Invitiamo inoltre i tifosi a valutare con sempre maggiore senso critico la qualità della narrazione proposta dalla stampa, riconoscendo i doppi standard che minano l’integrità del dibattito sportivo ed eventualmente scegliendo con maggiore attenzione a chi rivolgere la propria attenzione.

Allo stesso tempo, ribadiamo l’invito a tutti i nostri tifosi a mantenersi sempre nell’ambito dello sfottò calcistico senza scadere in quel becero atteggiamento che da anni subiamo e che di certo non meritiamo di arrivare a copiare.

La Juventus, con la sua storia ed eleganza, merita un sostegno che vada al di là delle controversie fabbricate dalla stampa. L’attenzione dovrebbe concentrarsi sulla vera essenza del calcio: la competizione, la passione e la lealtà. È ora che la stampa sportiva rifletta seriamente sui propri standard etici e abbracci la coerenza, mettendo da parte l’ipocrisia che offusca il vero spirito dello sport.

ENTRA A FAR PARTE DELLA FONDAZIONE JDENTITA’ BIANCONERA – CLICCA QUI! 

 

SEGUI LA FONDAZIONE SU TUTTI I CANALI E APPLICAZIONI – CLICCA QUI

 

Hai letto: Guardie e Ladri? Intanto la Juventus vince!
A cura della Fondazione Jdentità Bianconera, l’organo istituzionale che difende e tutela i tifosi della Juventus.

La Fondazione ha come scopo quello di creare un ambiente di tifo pulito e rappresentare i tifosi della Juventus in ogni ambito. 

Siamo tifosi di Calcio, amiamo il divertimento, la passione e la correttezza. Siamo nati per difendere i tifosi e la Juventus quando la stampa li attacca. Non accettiamo più questo clima di odio sportivo e di violenza.

 

CONDIVIDI SU

ULTIMI ARTICOLI

ADERIRSCI ORA ALLA

FONDAZIONE JB